3 punti su 6 in U13 per le ragazze del 2001

 Concentramento contro l’Union for Volley B e il Volley San Paolo che faceva gli onori di casa.
Le ragazze arrivano cariche dai complimenti ricevuti dal coach alla fine dell’allenamento del venerdi dove si era disputata la miglior fase di gioco da inizio anno: forte concentrazione, pochissimi errori gratuiti, grande incisività in attacco, buona precisione in ricezione e palleggio.
Ecco quindi la prima partita contro l’Union for volley B che, contrariamente a quanto ci si aspettava, non è composta solo da ragazze del 2001 ma anche del 2000. Secondo chi scrive la nostra squadra è tecnicamente più brava ma le avvesarie a volte giocano una pallavolo strana, cercano di sorprendere con tocchi in palleggio verso il fondo del campo. I minuti scorrono, il tifo si scalda ed i set vanno all’IN VOLLEY con parziali che non lasciano possibilità di replica (13 – 16 – 17).
La seconda partita contro il San Paolo è decisamente più in salita: di fronte troviamo una buona squadra, atleticamente ben dotata e ben posizionata in campo. Si ha subito la sensazione che la palla non cada facilmente e così è stato. Complimenti alle avversarie per i diversi salvataggi in tuffo, davvero sensazionali, che non solo non ci facevano fare punto ma che permettevano di contrattaccare con schiacciate davvero pesanti. Le nostre comunque, in diverse azioni, difendevano davvero bene. Secondo il cronista la differenza la facevano le battute più profonde ed incisive delle avversarie che mettevano spesso in difficoltà la nostra ricezione. Alla fine si perde con onore tutti i set, molto combattuti, che in alcuni momenti ci vedono anche in vantaggio ed i parziali lo dimostrano (21 – 21 – 17).
Si diceva del tifo: è venuto fuori alla grande, si è letteralmente galvanizzato quando le due squadre rivali si sono coalizzate contro di noi ma non c’è stata storia. Tamburi, trombe, manine, stimati imprenditori che sfilano le bacchette dei tamburi ai figli per comandare i cori di tutti i genitori sono cose che si vedono nelle fasi finali dei campionati ma noi non siamo uguali agli altri … noi siamo l’IN VOLLEY e questo è bene che gli altri lo abbiano sempre ben presente, soprattutto quando, seppur cambiando palestre ed avversari, ci troviamo a confrontarci con quell’ottusità di fondo nel protestare contro presunti falli delle nostre ragazze per chiudere invece gli occhi su quelli commessi dalla propria squadra. Noi ormai siamo abituati, noi non ci scomponiamo, noi non replichiamo, noi guardiamo solo a quello che fanno le nostre ragazze e come dice spesso un’allenatore: TANTA ROBA !!!
Concludiamo ricordando la prodezza di Francesca che, sbagliando (forse .. chi lo sa???) un bagher, faceva letteralmente canestro da 3 punti nel tabellone posto al fondo del campo. Peccato non aver ripreso l’azione per postarla su internet, gli americani sarebbero letteralmente impazziti … !!!