il ’98 stecca nel 16 con il Parella

Prestazione sotto tono della nostra squadra, soprattutto rispetto alle ultime gare. Molta confusione in difesa e tanti errori hanno purtroppo compromesso una partita ampiamente alla portata delle nostre ragazze.  L’amarezza aumenta guardando i punteggi dei tre set  25 a 23, 25 a 22 e 25 a 19. Con qualche sbaglio in meno nostro ed un occhio più attento dell’arbitro, la partita poteva prendere ben altri risvolti. Tra i fondamentali dove la squadra è risultata più fallosa, sicuramente la battuta, che nelle ultime partite si era rivelata un’ ottima freccia al nostro arco. L’esultanza del tifo avversario a fine partita fa capire che nonostante fossimo più piccole eravamo temute.
Pazienza. Quello che non uccide (Stefano x oggi  vi ha graziate), rinforza.. speriamo di potere comprendere il motivo di tanti errori e porre rimedio. I "misters" sono già al lavoro. Mercoledì appuntamento infrasettimanale ad Almese mentre domenica doppio appuntamento al Palawojtyla nel U14 e nel U16.
Al mattino ci aspetta una partita interessante con l’ottima squadra del Lilliput mentre il pomeriggio festivo si prospetta impegnativo con la forte compagine dell’ Alto Canavese in under 16. Questa è la squadra che fino ad oggi, tra quelle incontrate, ci ha più impressionato e la dobbiamo  affrontare con il giusto spirito competitivo
A tale proposito riprendo un’ affermazione di Igor Ivanovich Sikorsky (ingegnere e pilota aeronautico russo) che diceva che "secondo alcuni autorevoli testi di tecnica di aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare…", aggiungo io che al calabrone volare piace, lo desidera con tutto se stesso, in fondo del resto se ne frega e dunque ci riesce. Volate ragazze, volate.