Under 13 – campionato U14 – perso sì, ma tornano grinta e responsabilità!

…Bene, ma non ancora benissimo! Eh…sì! Perché le Trink girls sono tornate, ma non ancora al meglio di quello che possono dare. Giocano a Settimo contro il Lilliput, che come tutte le squadre di Under 14 crescono con il proseguire del campionato, quindi non arrendevoli per nulla al mondo. Ma dato il ritmo e l’impegno profuso in allenamento questa settimana anche le ragazze chieresi hanno parecchi assi  a loro disposizione. C’è sempre da superare il fattore Domenica mattina ore 11.00. La partenza delle ragazze bianco blu è lenta, tipo prima colazione con pantofole e pigiamone di flanella caldo, coccoloso,  anche se già nel primo set si vede che la grinta è tornata compagna di gioco in campo, non più in panchina come la settimana precedente. Primo set alle avversarie 25 a 21. Secondo set sullo stesso piano, ma con rimonta nel finale, che fa ben sperare; purtroppo gli errori ci sono, fanno parte del gioco e questa volta permettono al Lilliput di fare suo anche il secondo set 25 a 22. Ora al terzo set  ci si aspetta la reazione. Ed in effetti c’è! Eccome se c’è. Tornano concentrazione, pazienza e responsabilità. Nove contro sei, le chieresi si portano a casa un set meritatissimo 25 a 22. Per il quarto di nuovo, sembra un copione già scritto per le pesti del 2000. Si arriva al 20 a 16 per le chieresi e le speranze del tie break sono vicinissime. Dalla parte opposta della rete però ci sono le ragazze di Settimo e anche loro hanno voglia di portare a casa i tre punti. Allora… si lotta! Premesso che chi scrive, come ben sapete,  di pallavolo non ha nessuna conoscenza, non ha nessuna nozione tecnica per giudicare, ha solo la fortuna di stare a bordo campo vicino alle ragazze, questo loscofiguro, dicevo, assiste a uno scontro che esalta le giocatrici, infiamma i sostenitori e finisce con sei punti finali da cardiopalma. Punto a punto, uno sopra uno sotto…Qualche diavoletto che assiste dagli spalti o da qualche posto a bordo campo però, mette la coda nel campo delle Chieresi e il 28 a 26 per il Lilliput e un po’ una doccia fredda in anticipo a quella dello spogliatoio. Tre a uno per il settimo è vero, ma che le ragazze sono … o forse è meglio dire… stanno tornando. Lasciando tecnica e tattica a chi ne sa di più, possiamo dire sul piano della volontà e della grinta che le “raghe” hanno avuto un ritorno. Spiace avere lasciato i punti alle avversarie, ma c’è di buono che sta tornando quella concentrazione e quella grinta che hanno permesso risultati importanti. Buono, molto buono. Nel pomeriggio incontro di U13 con il Testona 2001 . Nota relativamente importante per l’Involley è che nel secondo set sono stati concessi troppi punti; nota importante per le avversarie è che hanno difeso molto bene e che essendo un 2001 hanno probabilmente un buon futuro. Complimenti alle ragazze avversarie. Da domani si ricomincia, come tutte le settimane. Obiettivo è aumentare il bagaglio  tecnico sicuramente, ma ancor di più imparare a gestire la concentrazione e la grinta che oggi ha permesso di vedere le Trink girls tornare in campo con lo spirito giusto. Spirito che il tifo ha apprezzato e…ben tornato anche a lui, che ancora una volta ha sostenuto le Pesti del 2000 con il ritornello che ormai lo contraddistingue su tutti i campi:”…Su le mani tifiamo Chieri!”